SCEGLI IL CINEMA
filtra per filtra per

Torno da mia madre

  • Uscita:
  • Durata: 91min.
  • Regia: Eric Lavaine
  • Cast: Alexandra Lamy, Josiane Balasko, Mathilde Seigner, Philippe Lefebvre, Jérôme Commandeur, Cécile Rebboah, Didier Flamand
  • Prodotto nel: 2015 da SAME PLAYER, PATHÉ PRODUCTION, TF1 FILMS PRODUCTION, APPALOOSA CINEMA, SCOPE PICTURES, CHABRAQUE ET RYOAN
  • Distribuito da: OFFICINE UBU (2016)
Vedi programmazione

TRAMA

La 40enne Stéphanie ha perso il lavoro ed è dovuta tornare a vivere, suo malgrado, a casa con la mamma Jacqueline. Nonostante la calorosa accoglienza e le comodità, la convivenza tra le due richiede una buona dose di pazienza, da entrambe le parti. Tutto fila comunque più o meno liscio fino a quando, durante una cena in famiglia insieme a Carole, Alain e Nicolas - la sorella e i fratelli di Stéphanie - una serie di segreti di famiglia e regolamenti di conti portano scompiglio...

Dalla critica

  • Cinematografo

    Diretto da Eric Lavaine, Torno da mia madre si mostra nella mera forma di commedia francese, leggera ma intrisa di profonde tematiche sociali. Un’opera che non aggiunge e non toglie nulla al genere, e che neppure si pone l’obiettivo di farlo. Tema fulcro del film che vede protagonisti Alexandra Lamy, Josiane Balasko e Mathilde Seigner, è il fenomeno “generazione boomerang”, ossia quella fascia di individui che si ritrovano forzati a tornare a vivere dai genitori. La generazione boomerang è citata, si fa riferimento alle problematiche ad essa legate, ma presto nella sceneggiatura trovano spazio i rancori familiari e soprattutto il valore dell’amicizia. Proprio su quest’ultimo elemento infatti il film si muove per tutta la sua durata: dal disperato tentativo di Stéphanie, quarantenne divorziata e senza lavoro costretta a tornare a vivere dalla madre, di chiedere aiuto ad amicizie ormai assopite, sino all’ amara scoperta che rivela ai suoi occhi l’egoismo spregiudicato di colei che considera l’ amica del cuore nonché ex socia in affari. Anche i legami di sangue, molto tesi tra loro, occupano larga parte del girato mostrando i lati più nascosti, le frustrazioni e le accese rivalità tra fratelli e sorelle. La figura genitoriale si mantiene in realtà sullo sfondo lasciando prendere il sopravvento all’analisi dei rapporti individuali scavando nei dissapori facilmente reperibili all’interno del nucleo familiare e mettendo a nudo l’ipocrisia che si cela dietro il falso mito della fraterna amicizia. Un film che tocca un nervo scoperto, ma che si distanzia dall’idea principale: raccontare la generazione boomerang.

  • Il Giornale

    Una commedia che pesca molto dal reale, pur senza incantare. Si limita al compitino di base e non osa mai, procedendo col pilota automatico.

VEDI TUTTE LE RECENSIONI

In programmazione in questi cinema

Cosa vuoi fare?

Idee per il tempo libero

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Altri film nei dintorni

Nel frattempo, in altre città d'Italia...