SCEGLI IL CINEMA
filtra per filtra per

Elvis & Nixon

  • Uscita:
  • Durata: 86min.
  • Regia: Liza Johnson
  • Cast: Kevin Spacey, Michael Shannon, Alex Pettyfer, Johnny Knoxville, Colin Hanks, Evan Peters, Sky Ferreira, Tracy Letts, Tate Donovan, Ashley Benson, Dylan Penn, Ritchie Montgomery, Danny McCarthy, Ian Hoch, Jeff Caperton, Kamal Angelo Bolden, Michael D. Anglin, Anthony Marble, Joey Sagal, Gus Rhodes, Geraldine Singer, Ahna O'Reilly
  • Prodotto nel: 2016 da AMAZON STUDIOS
  • Distribuito da: VIDEA
Vedi programmazione

Film non più disponibile nelle sale

TRAMA

21 Dicembre 1970. Elvis Presley, il re del rock'n'roll, entra nella stanza ovale della Casa Bianca per un incontro segreto con l'uomo più potente al mondo: il presidente Nixon. Il colloquio riservato era stato chiesto da Presley con una lettera di sei pagine che iniziava così: "Caro Signor Presidente, innanzitutto vorrei presentarmi, sono Elvis Presley, l'ammiro, ho molto rispetto per la sua carica e vorrei diventare un agente del governo sotto copertura!". Questa è l'assurda storia vera, mai raccontata prima, dell'incredibile incontro tra Elvis e Nixon destinato ad entrare per sempre nella storia.

Dalla critica

  • Cinematografo

    L’uomo più potente del mondo e una rockstar di successo planetario. Cosa potranno dirsi mai? A svelare il mistero è Liza Johnson con il suo Elvis & Nixon , storia romanzata del reale faccia a faccia tra il mito Presley (Michael Shannon) e l’allora Presidente USA Nixon (Kevin Spacey), avvenuto il 21 dicembre 1970. Un incontro avvolto nel mistero, che la regista ha voluto raccontare basandosi sulla foto che immortala i due personaggi protagonisti del film e sul contenuto di una famosa lettera inviata dal rocker a Nixon contenente il seguente prologo: “Caro Signor Presidente, innanzitutto vorrei presentarmi, sono Elvis Presley, l’ammiro, ho molto rispetto per la sua carica e vorrei diventare un agente del governo sotto copertura!”. Nonostante la strepitosa prova del cast, il film scorre a fatica, muovendosi lentamente su uno script più teso a porre in evidenza le similitudini dei protagonisti (la passione per le armi, la posizione conservatrice, l’avversione nei confronti del comunismo, dei Beatles e del movimento hippy), estremamente celebri ma al contempo in uno stato di alienazione e solitudine singolari. Una commedia che racconta, attraverso i personaggi più celebri, il clima sociale di un’epoca.

  • Corriere della Sera

    È tutto teatrale e spiritoso, nella stanza Ovale ci sono due maxi prepotenti convinti di fare lo stesso mestiere: il mondo è uno show. Film di stampo TV ma sorretto da un Kevin Spacey di irrefrenabile misura, (...) bravo Michael Shannon (...).

  • Il Messaggero

    (...) insolita e irresistibile incursione nel cinema 'presidenziale' americano. Che non perde mai di vista la verosimiglianza, e abbonda in dettagli incredibili quanto veri (scene, costumi, auto, acconciature...). Ma si concede ogni sacrosanta libertà per inscenare con toni al limite del grottesco un vero e proprio match fra pesi massimi di discipline allora apparentemente lontane come lo spettacolo e la politica. (...) Ed è proprio sul terreno del confronto tra i due 'divi' e il rispettivo linguaggio corporeo che il piccolo film di Liza Johnson decolla anche grazie alla bravura dei protagonisti e alla distanza dei loro stili: un miracolo di mimetismo e acutezza il Nixon di Spacey, quasi un mascherone invece l'Elvis di Michael Shannon, fisicamente assai poco somigliante fra l'altro. Ma capace di buttare lì come se niente fosse battute incendiarie come il napalm che Tricky Dick scaricava sui vietnamiti.

  • La Stampa

    (...) sulla base di una curiosa sceneggiatura scritta dall'inedita Hanala Sagal con il marito Joey, l'altrettanto poco conosciuta regista Liza Johnson ha intessuto una commedia che lavora con intrigante ironia sui caratteri a contrasto dei protagonisti. E naturalmente la carta vincente è il cast: Kevin Spacey passa dai panni del losco Frank Underwood di 'House of Cards' a quelle del discusso presidente del Watergate, arpeggiando con divertimento sul suo risaputo talento mimico; mentre un imploso Michael Shannon, un attore che sulla carta è quanto di meno adatto a impersonare Presley, si produce in un'interpretazione del Re del rock n' roll che, pur sul filo della parodia, trasmette un senso di malinconica e disarmante umanità.

  • La Repubblica

    Michael Shannon e Kevin Spacey (...) si lanciano nell'impresa con l'aria di chi se la spassa; e il loro divertimento contagia lo spettatore.

  • Nazione-carlino-Giorno

    Tre sceneggiatori al lavoro sui testimoni ancora in vita reinventano le circostanze di un paradossale colloquio su politica e rock'n'roll, la paranoia spionistica di Presley e l'ombra di Kissinger su Nixon. A volte divertente, altre fiacco, ma Shannon fa il suo 'pelvis' oltre la leggenda e Spacey è la parodia vivente del potere svuotato di vera personalità.

  • Libero

    Piacerà da matti per il duello di bravura tra due portentosi attori. Né Kevin Spacey né Michael Shannon assomigliano ai loro modelli (solo il parrucchiere s'è dato da fare facendo i capelli ricci a Spacey e rifilando ciuffo e basettoni a Shannon). Però fanno del loro meglio (in altre parole strabiliano) nel centrare due ritratti di grossi personaggi che sono vicini al capolinea e non lo sanno (però lo sospettano e da lì partono le rispettive paranoie). (...) Spacey (che nella vita privata ha sempre detestato il personaggio) gioca di fino a delineare un potente apparentemente sicuro di sé, in realtà perseguitato dal timore quasi fisico di chi sente sul collo il fiato dei nemici. Nemmeno Shannon ama troppo il re del rock. Se lo amasse non reciterebbe convinto le battute di Hanala e Joey Sagal. Che lo mettono in scena come un capo clan che nessun clan vorrebbe avere.

  • Il Giornale

    Dialoghi brillanti e due straordinari interpreti.

VEDI TUTTE LE RECENSIONI

Cosa vuoi fare?

Idee per il tempo libero

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Altri film nei dintorni

Nel frattempo, in altre città d'Italia...